Faq

Prima di tutto spieghiamo cosa sono le FAQ, la parola “FAQ” e’ l’abbreviazione di Frequent Asked Questions, infatti per fare questo documento sono state utilizzate le domande e le risposte piu’ frequenti che sono passate su Acquariofili.com

Alcune volte e’ stata ripresa la risposta esattamente come era stata postata, altre volte e’ stata un po’ modificata,Un ringraziamento, quindi, a tutti gli utenti di cui sono state usate le risposte. Alcune domande e risposte sono state volutamente evitate perche’ ci sono opinioni contrastanti e, non essendoci certezza sulla risposta giusta, e’ stato preferito non scrivere niente. Queste FAQ sono in continua evoluzione, vengono aggiornate ogni volta che e’ possibile aggiungere qualcosa.

Malattie (9)

Acqua ossigenata 3%. 

Filtro spento per 60 minuti per dare tempo all’ acqua ossigenata di agire. La dose di 20 ml ogni 100 lt non provoca danni ne ai pesci ne al filtro biologico. Dopo il trattamento sarebbe utile fare un cambio di acqua. E’ una battaglia lunga e dura. Quando le colonie sono numerose ed hanno colpito molte piante ed arredi il trattamento migliore come efficacia e rapidità è il Chemiclean.

Naturalmente l’acqua ossigenata è la comune che trovate nei supermercati, e la potete utilizzare tranquillamente.

La terapia del buio spesso non risolve il problema e distrugge le piante. Tenere la luce spenta non serve a niente. Riducete a  6 ore ma non è con quello che risolvete sicuramente il problema.

Vi consiglio comunque di dare una bella lettura al nostro articolo Qui

Categories: Allestimento, Malattie
Tag: Alghe

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno dei metodi è osservarlo da sopra e vedi se ha solo i fianchi slargati o se è gonfio anche sulla testa,in poche parole devi vedere se il gonfiore è localizzato al solo ventre o a tutto il corpo e il trucchetto è osservarla da sopra

Category: Malattie

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’ictio si cura con la termoterapia, tenendo il pesce a 30 gradi per 3 giorni e aumentando gradualmente,ma niente sale per ictyo…. se i puntini non si fermano allora dosare il faunamor….

Categories: Malattie, Pesci

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In generale è meglio fare le cure medicinali in una vaschetta di quarantena apposita, per evitare di inserire medicinali in vasca. Esistono comunque dei prodotti appositi che possono essere inseriti in acquario e non danneggiano il filtro, ma bisogna seguire rigorosamente il foglietto illustrativo. Non bisogna assolutamente utilizzare antibiotici o disinfettanti in vasca, dato che vanno a eliminare anche i batteri necessari per il buon funzionamento della vasca. Questi trattamenti devono essere fatti in vasca a parte.
Anche i trattamenti con sale non iodato devono essere svolti in vasca a parte, poiché il sodio, se presente in elevate quantità, compromette la salute delle piante.

Categories: Malattie, Pesci

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In genere è opportuno per effettuare delle cure mediche ai pesci isolarli in vaschette a parte chiamate vasche di quarantena per evitare di inserire medicinali in vasca che andrebbero a impattare sullo stato del filtro alterando le condizioni biologiche dello stesso. Ad ogni modo esistono alcuni medicinali che in via eccezionale possono essere impiegati in vasca e non alterano in nessun modo il ciclo biologico senza impattare sulle condizioni del filtro ma bisogna attenersi rigorosamente al foglietto illustrativo .

le vaschette possono essere anche di pochi litri basta che siano dotate di termoriscaldatore e areatore .

 

Category: Malattie

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In generale è meglio fare le cure medicinali in una vaschetta di quarantena apposita, per evitare di inserire medicinali in vasca. Esistono comunque dei prodotti appositi che possono essere inseriti in acquario e non danneggiano il filtro, ma bisogna seguire rigorosamente il foglietto illustrativo. Non bisogna assolutamente utilizzare antibiotici o disinfettanti in vasca, dato che vanno a eliminare anche i batteri necessari per il buon funzionamento della vasca. Questi trattamenti devono essere fatti in vasca a parte.
Anche i trattamenti con sale non iodato devono essere svolti in vasca a parte, poiché il sodio, se presente in elevate quantità, compromette la salute delle piante.

Category: Malattie

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si manifesta con dei veri e propri buchi formanti un cratere con bordi irregolari e con all’interno scovabili i flagellati responsabili della malattia

Category: Malattie

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Si, è dovuta all’azione di protozoi flagellati del genere Spironucleus ed Hexamita, oppure, più raramente a quelli appartenenti al genere Protoopalina.

Category: Malattie

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

trattasi di incistazione batterica .

Passerà semplicemente con termoterapia ,alzare la temperatura a 30 gradi

Category: Malattie

Comment on this FAQ

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Load More

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy